Racconti Horror

EMOFAGIA ONIRICA


Confusione e smarrimento.
Finalmente sono riuscito ad aprire gli occhi... ma che fatica...e come mi sento fiacco e intontito.
Oh dannazione!! Sono sdraiato su di un letto!! Mi devo essere addormentato sul lavoro... eh caro Vlad stai invecchiando, inutile nasconderlo!Forse è ora di smetterla con le escursioni notturne... dovrei mettere la testa a posto, e stabilirmi a castello e magari...
Maledizione!! È LEI! Ed è vicina.
La sento, nascosta timidamente nella notte, ma pronta ad aggredirmi con il suo vetusto calore e la sua putrida luce, e con essi mi abbraccerà, fino ad uccidermi..fino a rendermi polvere... Ah Alba maledetta, non mi avrai mai, MAI!!
Ma cosa vedo!?!
A quanto pare la dea Fortuna non mi è stata completamente avversa!! Sono supino affianco ad una incantevole fanciulla... la sua faccia non mi è nemmeno nuova..che sia stata mia amante in qualche altra vita, secoli e secoli fa? Huuum Vlad svegliati! Non è ora di cianciare! LEI è vicina, vicinissima! Questione di un paio d'ore, e da quella sanguinaria creatura che sei, diventerai polvere sul comò di questa ragazza!
E che sete! Ho una sete terribile!
La luce delle stelle entra da una angusta finestrella (ma come diavolo ho fatto ad entrare??) e si posa delicatamente sul suo corpo divino: sembrerebbe morta, se non ci fosse quel lento e ipnotico respiro a smascherare la vita.
Non mi resta che avvicinarmi a lei... ma che succede?? Per la prima volta nella mia lunga vita non riesco nemmeno a muovermi col silenzio! Ma dove l'hanno fatto questo stramaledetto letto!?! Ogni minima vibrazione del più insignificante dei miei muscoli morti crea un cigolio terrificante, e ad ogni cigolio terrificante il mio cuore perde un colpo.
Accidenti, mi scoprirà, ne sono sicuro... mi scoprirà e scapperà. Scapperà e spargerà la voce sul mio conto... e nel giro di pochi giorni la città sarà piena di odiose ronde notturne armate di aglio e paletti di legno. E io sarò costretto a scappare un'altra volta e...
Accidenti, perché non spicco il volo??? Al diavolo la sete! Non morirò per qualche piastrina in meno..e non posso perdere tempo!! LEI è già a qualche chilometro..ed è vogliosa di farmi a pezzi quella maledetta!
Ma questa ragazza è speciale.
No, non posso perdermela!
Persa in chissà quale sogno ha spostato la testa... i lunghi capelli corvini si sono spostati scoprendo la sua pelle pallida e il suo collo invitante. È talmente bella che dietro a quelle palpebre deve sicuramente avere degli occhi verdi... ne sono sicuro... perché adesso sono davvero sicuro di conoscerla!
Basta fantasticare Vlad!!
La sete mi sta seccando le labbra...e a quanto pare anche la mente....Ho talmente sete che i canini devono essersi ritirati... accidenti… non riesco a sentirli nemmeno con la lingua!! Per uno come me... sarebbe il colmo dover adottare la dentiera!! Appena torno a casa devo davvero considerare quella possibilità del pensionamento...
Adesso però sono qui, e sono pronto a mordere... ma prima un bacio... non posso esimermi... questa ragazza è davvero magnetica... peccato per la fine che sta per fare... ma dovrò pure mangiare anche io!
Le mie labbra assetate sfiorano il suo collo e adesso possono finalmente aprirsi come una letale tagliola... affondo i miei denti proprio vicino alla giugulare e attendo che il dolce sapore rameoso fluisca nella mia gola... è mia...
CIAFFF! AHIA!!!!
"Ma sei deficiente Daniele??? Adesso ti metti pure a mordermi nel sonno? Dovresti finirla di guardare quei ridicoli film dell'orrore... accidenti che male... spero proprio di averti fatto male anche io, brutto stupido!!"
"In effetti mi sta uscendo il sangue dal naso... oddio... mi sento male... lo sai che non sopporto la vista del sangue!!"
"E avresti dovuto pensarci prima di mordermi sul collo mentre dormivo, brutto cretino!! Adesso dormi che sono già le 5 di mattina!!"
"E allora? Domani è domenica! Posso dormire quanto mi pare!"
"Ti sei forse scordato che alle 6.15 passa mia madre Alba?? Le ho promesso che l'avresti aiutata a sistemare i mobili! Lo sai come è mattiniera! A volte mi chiedo dove l'ho trovato un individuo inetto, infantile e sbadato come te! Buona notte!"
"Eh si, questa ragazza è davvero speciale! Buona notte!"

Daniele Del Frate agosto 2003

RACCONTI DELLO STESSO AUTORE: La Porta - Mamma - Tote Truppe - The Headtrasher - Umberto do it Better

Email: racconti@occhirossi.it

INVIA IL TUO RACCONTO